Fondamenti di neuropsichiatria infantile / MOLINARI ELENA

Disciplina:

Fondamenti di neuropsichiatria infantile

AA:

2019

E-mail:

elenamolinari@ababrera.it

Programma del corso:

2020  “L’opera condivisa” (con particolare riguardo alle dinamiche relazionali che si evidenziano durante il processo di costruzione dell’opera stessa)

Nelle esercitazioni pratiche di cui si discuterà in gruppo si utilizzerà il seguente schema di lettura (tale schema è particolarmente utile per la stesura della parte “terapeutica”  della tesi):

  • descrivere brevemente la criticità della situazione di partenza o le sue caratteristiche psicodinamiche attraverso i modelli di cui si è venuti a conoscenza nel corso.
  • descrivere le ipotesi da cui ha preso le mosse l'intervento. E' opportuno saper argomentare perché si sia scelto un materiale, un certo tipo di esperienza, un setting particolare.
  • mostrare o descrivere il materiale prodotto (anche in termini di esperienza)
  • rintracciare gli aspetti terapeutici impliciti nel processo 
  • tracciare una breve conclusione cercando di evidenziare gli elementi terapeutici scaturiti dall'incontro con l'esperienza e quelli pianificati dal terapeuta.
Bibliografia:

Per la lettura dei disegni o dei materiali plastici

Giani Gallino T.  Il mondo disegnato dai bambini. L’evoluzione grafica e la costruzione dell’identità, Giunti, 2008

Golomb G. , L’arte dei bambini, Raffaello Cortina, 2002

Ferrari S. Il corpo adolescente, CLUEB 2007

 

Per l'inquadramento psicodinamico

Ferro A., La tecnica della psicoanalisi infantile, Raffaello

Cortina, 1992,

Grotstein J. Un raggio di intensa oscurità, Cortina Milano, 2010. Cap. XXV “Che cosa significa sognare?”

Ogden T.H. L'arte della psicoanalisi. Cortina, Milano 2008 Cap. IV “Non poter sognare”

Molinari E (2017). Field Theory in Child and Adolescent Psychoanalysis. Understanding and Reacting to Unexpected Developments. Abingdon, Oxon: Routledge

Caratteristiche del corso:

Il corso Elementi di Neuropsichiatria infantile è un corso teorico inserito nel biennio specialistico di Terapeutica Artistica. Si  articola in lezioni sui seguenti argomenti:

 

  • La nascita del segno  nel processo di separazione dal corpo materno durante il primo anno di vita
  • Il ruolo dell'attività rappresentativa nella costruzione  della psiche nell'infanzia
  • Gli aspetti strutturali del disegno infantile: la forma, il colore, la composizione
  • Aspetti peculiari della produzione simbolica durante l'adolescenza in relazione ai processi di maturazione psichica
  • Metodi e utilizzo della ricerca qualitativa per l'esplorazione delle teorie profane e dei vissuti con gruppi di bambini sani
  • Gli apporti della psicologia dinamica nello studio del processo creativo con particolare riferimento all'opera di M. Milner,  D. Winnicott, W. Bion
  • I rapporti tra processo creativo e terapeutico con particolare riferimento alla teoria del sogno di Bion
  • Il setting come luogo del riattualizzarsi delle esperienze preverbali, dei rapporti con gli oggetti interni e della relazione trasformativa con il terapeuta
  • Bambini e ragazzi ospedalizzati o gravemente traumatizzati: peculiarità del setting e del processo terapeutico
  • Analisi delle principali difficoltà psichiche che compromettono l'apprendimento e la vita sociale durante lo sviluppo
  • Le patologia gravi: psicosi, autismo gravi deficit di sviluppo psicofisico
Obbiettivi dl corso:
Orario e aula:

orario inizio lesione ore 9 e fine ore 12.30 senza pause  (parte della lezione sarà teorica e parte pratica: esercitazioni varie e visione di corti).

Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:

breve riflessione sulle trasformazioni personali (cognitive ed esperienziali) avvenute durante l’anno. Punto di partenza: prima esercitazione effettuata in classe inerente l’esplorazione del proprio sapere “profano”.

Parte scritta di poche pagine (anche sotto forma di mappa o organizzata in altro modo creativo) da inviare 15 gg prima dell’esame a eleni.molinari@gmail.com

Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:

Medico Pediatra

Psicoanalista Membro Ordinario della S.P.I. Società Psicoanalitica Italiana

Responsabile di un’unita’ operativa di formazione presso ASL Pavia (1998-2001)

Responsabile  “Progetto a sostegno del bambino malato e ospedalizzato” attuato presso la Clinica Pediatrica dell’IRCCS “S. Matteo” Pavia

Pubblicazioni in riviste nazionali ed estere (cfr. allegato 1)

Docente di formazione e di seminari in Italia ed all’estero.

Redattore della Rivista Italiana di Psicoanalisi

Curriculum
Note Docente

Importante fonte di comunicazione settimanale

https://twitter.com/ema_molinari

Allegati pubblici