Tecniche sartoriali per il costume 1 / TOVINI MARIA ANTONIETTA

Disciplina:

Tecniche sartoriali per il costume 1

AA:

2019

E-mail:

antoniettatovini@ababrera.it

Programma del corso:

PROGRAMMA DEL CORSO

Parte monografica: Le figure femminili nell’Odissea. L’abito greco antico dalle parole di Omero alle rappresentazioni pittoriche: studio delle forme, dei tessuti, dei decori, i colori ottenuti da fiori radici e piante tintorie.

MODULO 1

Studio modello: chitone, mantello, peplo, clamide uso della fascia; realizzazione delle forme in tela da modello

Variazioni successive: Classicismo, Neoclassicismo e reinterpretazione contemporanea.

Applicazione della modellistica storica legata alla parte monografica del corso per il melodramma, la prosa, il balletto e per la Moda.

 

MODULO 2

Progetto individuale o in gruppo.

Ideazione e realizzazione di un costume per un personaggio femminile dell’Odissea.

  • Ricerca
  • Realizzazione del bozzetto.
  • Disegno del cartamodello
  • Schede misure, come “prendere le misure”.
  • Studio dei tessuti (parte teorica e di laboratorio).
  • Studio dei ricami e decorazioni (parte teorica e di laboratorio).
  • Tecniche sartoriali (parte teorica e di laboratorio).
  • Taglio del modello in tela e «messa in prova».
  • Confezione del capo progettato.
Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA indicativa

 

Durante il corso verranno fornite dispense e slides di sintesi tratte dalla bibliografia utilizzata a lezione.

 

  • A History of Costume, Carl Köhler, Dover Publication
  • The Cut of Women’s Clothes 1600-1930, Norah Waugh, Theatre Arts Books, NY 1985
  • The Costume History, August Racinet, (1888) Taschen,
  • The Age of Napoleon, MET, NY 1990
  • Il costume e la moda nella società italiana, Rosita Levi Pisetsky, Einaudi, Torino 1978
  • Costume on the Stage 1600-1940, Diana De Marly,Barnes & Noble Books, USA 1982
  • Dizionario di archeologia, R.Francovich e D.Manacorda (a cura di) Editori Laterza, Bari 2007
  • Il tessuto Art Nuoveau, Giovanni e rosalia Fanelli, Cantini Editore 1986
  • Textile Design, Renata Pompas, Hoepli, Milano 2012

 

Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:

Il corso ha lo scopo di permettere allo studente di analizzare e apprendere le diverse fasi della costruzione di un abito/costume dal figurino/bozzetto alla realizzazione sartoriale.

Obiettivo del corso è fornire agli studenti le competenze teoriche e pratiche per realizzare un costume dalla modellistica alle competenze sartoriali adeguate, attraverso lo studio della modellistica storica e  contemporanea e della relativa cultura sartoriale lo studente impara ad elaborare e rielaborare forme e stili adeguati a potenziare i propri progetti creativi sia in chiave ideativa che in fase di realizzazione; in quest’ottica il ri-uso di tecniche, materiali, decori a tutto tondo è parte centrale dell’insegnamento.

Il primo anno di corso affronta le competenze di base che nel secondo anno potranno essere approfondite e perfezionate

Attraverso lo studio dell’abito storico gli studenti di Costume potranno sfruttare competenze specifiche spendibili nel campo lavorativo: sarà la creatività “personale” a rigenerare le forme storiche che ciclicamente ritornano.

Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:
Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:

Nata a Milano nel 1958, frequenta l’Università degli Studi di Parma, si laurea in Linguaggi dei Media, Facoltà di Lettere e Filosofia (Università Cattolica, Milano).

Dal 2004 è docente a contratto presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Tecniche sartoriali per il Costume, dal 2014 al 2018 Modellistica per Fashion, Nel 2009 ha insegnato presso lAccademia Ligustica di Genova (Storia e tecniche del costume), nel 2019 presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze (Modellistica).

Attualmente insegna Modellistica presso l’Accademia Albertina di Torino.

Dal 2004 collabora a progetti di valorizzazione e ricerca sulle Piante Tintorie (ricerca  e produzion e artistica) promossi da CRC “Centro Studi Applicati per la Gestione Soistenibile della Montagna -GeSDimont-“ Università degli Studi di Milano.

Curriculum
Note Docente

DIDATTICA DEL CORSO

Lezioni frontali teoriche e di laboratorio.

Lavoro individuale e in gruppo.

 

METODO DI VALUTAZIONE

Verifica della messa in scala e in misura di un cartamodello storico, della costruzione in tela, (progetto individuale o in gruppo). Valutazione del progetto: rivisitazione e interpretazione di un modello storico (lavoro individuale o in gruppo)

Verifica parte teorica (sarà resa disponibile agli studenti dispensa relativa).

Allegati pubblici