Restauro dei dipinti murali contemporanei / RIGGIARDI DAVIDE

Disciplina:

Restauro dei dipinti murali contemporanei

AA:

2019

E-mail:

davideriggiardi@ababrera.it

Programma del corso:

Il corso prevede un’attività pratica su opere reali presenti sul territorio milanese individuate tra quelle di proprietà di istituti convenzionati con l’Accademia di Belle Arti di Brera. Si pensi al consolidato rapporto tra l’Accademia ed il MAPP (Museo d’Arte Paolo Pini) con i suoi cantieri scuola pregressi su dipinti murali contemporanei nei quali sono già state restaurate le seguenti opere: Emilio Tadini, Città, 1995; Moani Haghighi, Senza titolo, 1996; Piero Pizzi Canella, 1996; Alessandro Spadari, Senza titolo, 1997; Bernard Zimmer, Senza titolo, 1995 e Riccardo Gusmaroli, Senza titolo, 1995; o alla più recente convenzione con il Comune di Milano per le opere realizzate all’interno del Cimitero Monumentale. Questi restauri sono stati occasione di importanti ricerche, presentazioni e pubblicazioni. Ad esempio il restauro dell’opera di Zimmer è stata un’opportunità per lo studio dei sistemi di pulitura a secco per opere ad acrilico all’aperto; il restauro dell’opera di Gusmaroli, vandalizzata nel 2004 ha affrontato il problema della rimozione di imbrattature ad acrilico su superfici dipinte ad acrilico. Il corso propone di proseguire l’attività didattica già consolidata dei cantieri con nuovi interventi conservativi da condursi nell’ambito delle lezioni del corso. La scelta delle opere deriva dal carattere d'urgenza degli interventi, in quanto procrastinare il restauro provocherebbe la perdita o l’alterazione di elementi costituenti con conseguente accelerazione del degrado e alterazione del messaggio artistico. La messa in sicurezza verrà condotta attraverso operazioni di pronto intervento e consolidamento ed eventuale protezione della superficie pittorica. Infatti nonostante la recente età (dalla seconda metà degli anni ’90) delle opere realizzate in prevalenza sulle pareti degli edifici dell'ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini o dislocate nei giardini o ancora in alcuni casi, installate all'interno delle palazzine, alcune di queste presentano già situazioni conservative compromesse tali da richiedere urgenti studi sulle cause del loro degrado ed altrettanto urgenti interventi per arrestarne il processo degenerativo. Un discorso analogo vale per le opere del Cimitero Monumentale. In entrambi i casi le cause derivano da vari fattori: innanzitutto climatiche, molte opere sono all'aperto e quindi direttamente esposte alle influenze ambientali: variazioni termoigrometriche, irraggiamento solare, piogge ed agenti inquinanti che ne accelerano il degrado. In secondo luogo alcune di loro sono state compromesse da danni accidentali ed umani: infiltrazioni, atti vandalici o interventi manutentivi degli edifici o dei monumenti. In ultima analisi per la natura dei materiali costituenti: materiali fragili per loro natura o colori sintetici dei quali ancora poco si conosce sul loro comportamento nel tempo, soprattutto in situazioni estreme ed il cui studio porterebbe ad una prima casistica sul comportamento dei materiali utilizzati nel contemporaneo e all'analisi del loro degrado. Molti prodotti impiegati nell'arte contemporanea sono stati mutuati da settori non appartenenti alla sfera dell'arte, dove il concetto di durata non ha certo la pretesa di “eternità” di un'opera d'arte. Altrettanto urgente diventa l'intervento manutentivo per arrestare o quantomeno limitare i processi degenerativi in atto. Molte opere sono al limite della possibilità di trasmissione del loro messaggio originale. L'incalzare del degrado che quando è innescato diventa un processo rapido e catalitico, ne decreterebbe l'impossibilità di recupero.

Riassumendo la conduzione del cantiere scuola con gli studenti dell'Accademia di Belle Arti di Brera avverrà nelle seguenti fasi:

- indagini preliminari

- valutazione del degrado e prime prove d'intervento sulle opere scelte

- attività teorica

- eventuale sperimentazione su modelli

- eventuali indagini scientifiche

- Cantiere scuola con particolare attenzione all'arresto del degrado in atto

Bibliografia:
Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:
Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:
Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:
Note Docente