Tecnologie informatiche per il restauro / PICCININ RENZO

Disciplina:

Tecnologie informatiche per il restauro

AA:

2019

E-mail:

renzopiccinin@ababrera.it

Programma del corso:

Il corso (frequentato dagli studenti di tutti gl'indirizzi della Scuola di Restauro) ha carattere teoricopratico e riguarda essenzialmente l'uso delle tecnologie informatiche per l'analisi e la rappresentazione dei beni artistici e culturali ai fini conservativi.

Temi differenziati permettono di modulare e adattare gli argomenti del corso allo specifico indirizzo di studio, così che gli studenti di “Restauro cartaceo” si misurano con incisioni e filigrane, quelli di “Restauro pittorico” con dipinti murali, su tela e tavola, quelli di “Restauro

lapideo” con i gessi dei corridoi dell'accademia o lapidi e sculture del Cimitero Monumentale di Milano; comunque, per ognuno si tratta di analizzare l'opera attraverso la restituzione del reale in termini di leggibilità, evidenziazione del dettaglio, proporzioni, misure, vettorializzazione delle forme, rappresentazione dei degradi, prove di pulitura e raffigurazione delle intenzioni progettuali progettuali di recupero e conservazione nel modo più efficace sia pure nel rispetto delle modalità richieste dalle soprintendenze.

 

Gli argomenti si articolano secondo questo schema:

- Riproduzione fotografica dell'opera:

principi fondamentali relativi al punto di vista, illuminazione ed esposizione

- Digitalizzazione dell'immagine:

modalità colore, risoluzione, formato

- Correzioni digitali:

equalizzazione dell'immagine, selezione e mascheramento di aree, pulitura e rimozione di segni e macchie

- Correzioni digitali a fini fotogrammetrici:

correzioni prospettiche, proporzionamento e quotatura

- Tecniche “manuali” di vettorializzazione:

strumenti per il disegno vettoriale, modellazione dei tracciati

- Tecniche di vettorializzazione “automatica”:

omogeneizzazione cromatica, tracciare il “contorno”, tracciare “linea centrale”, parametri di controllo

- Elaborazione della vettorializzazione “automatica”:

separazione del tracciato di figura/sfondo dai tracciati interni alla figura attribuzioni caratteri delle linee e dei riempimenti

- Restauro integrativo virtuale:

ricostruzione del supporto mancante integrazione mimetica, sottotono, retinata, puntinata delle lacune

- Formalizzazione dell'analisi e del progetto:

applicativi per il disegno geometrico e per l'impaginazione

- Presentazione dell'analisi e del progetto: Power Point

 

Per l'esame è richiesto, in forma di presentazione a video, l'intero sviluppo del lavoro ovvero dalla riproduzione dell'opera ai vari aspetti analitici fino all'ipotesi di restauro prefigurata virtualmente.

 

 

Bibliografia:

Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:

Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:
Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:
Curriculum
Note Docente