Storia della fotografia (propedeutico) / AMONACI ANNA M.

Disciplina:

Storia della fotografia (propedeutico)

AA:

2019

E-mail:

annaamonaci@ababrera.it

Programma del corso:

PARTE GENERALE
Storia della fotografia: dagli esordi all’età contemporanea. Il corso, che è parte della materia del Biennio, percorre le principali vicende della Storia della fotografia dalla metà del Cinquecento, quando comparvero le prime raffigurazioni della camera ottica, fino ai nostri giorni. Le lezioni saranno condotte con una lettura comparativa della Storia dell’arte, considerando inizialmente il terreno culturale in cui si svilupparono le ricerche che condussero alla messa a punto della macchina fotografica.

ARGOMENTI TRATTATI
La camera ottica e il Vedutismo sei-settecentesco: sulla via della scoperta. Le sperimentazioni (1839-50): il dagherrotipo e il callotipo in età tardoromantica. La diffusione della fotografia (1850-70): le differenti linee della fotografia francese e di quella britannica. L’esplorazione fotografica del West negli Stati Uniti e l’esaltazione della natura. La prima maturità della fotografia (1870-1914): la rivista “Camera Work”. La fotografia e le avanguardie (1910-30). La fotografia tra le due guerre. Il fotogiornalismo negli Stati Uniti: le campagne fotografiche della Farm Security Administration; l’agenzia Magnum. Il dopoguerra: la fotografia e l’arte Informale. Il Neorealismo italiano e la fotografia. Gli anni sessanta e settanta. Le sperimentazioni pop e concettuali. Dal decennio Ottanta agli anni Duemila: la fotografia nel contesto postmoderno e in seguito alla rivoluzione tecnologica.

Bibliografia:

Manuali di riferimento ( i testi indicati sono presenti nella biblioteca dell' Accademia):

  • B. Newhall, History of Photography (1° ed. 1937, riveduta e ampliata 1982); 1° ed. italiana: Storia della fotografia, Einaudi, Torino 1984;
  • I. Zanier, Storia della fotografia italiana, Laterza, Bari 1986;
  • M. Frizot (a cura di), Nouvelle Histoire de la Photographie (1994); ed. consigliata: New History of Photography, Könemann, Köln 1998;
  • S. Bright, Art Photography Now, Thames & Hudson, London 2005;
  • A. Russo, Storia culturale della fotografia italiana - Dal Neorealismo al Postmoderno, Einaudi, Torino 2011;
  • D. Bate, Photography: The Key Concepts (1° ed. 2009, riveduta e ampliata 2015); (1° ed. italiana: Il primo libro di fotografia, 2011), ed. consigliata: Il primo libro di fotografia, nuova edizione ampliata, Piccola Biblioteca Einaudi - Mappe, Torino 2017.
  • D. Bate, Art Photography (2015); ed. italiana: La fotografia d’arte, Einaudi, Torino 2018.

Fonti e scritti relativi agli argomenti trattati durante il corso (i testi sono presenti anch'essi in biblioteca; le pubblicazioni della docente sono in fotocopia presso la fotocopisteria all'interno dell'Accademia):

  • W. H. F. Talbot, The Pencil of Nature, London 1844-1846;
  • A. Stieglitz, Camera Work - The complete illustrations 1903-1917, a cura di P. Roberts, Taschen, Köln 1997;
  • L. Moholy-Nagy, Malerei, Fotografie, Film (1927); ed. italiana consigliata: A. Negri (a cura di), Pittura, Fotografia, Film, Scalpendi, Milano 2008;
  • M. Natkin, La Photographie pure, in L'art de voir et la Photographie, Thanty, Paris 1935;
  • P. Hill, T. J. Cooper, Dialogue with Photography, Dewi Lewis Publishing, New York 1979;
  • W. Settimelli, I padri della fotografia - I fatti, i pionieri, gli eroi, le polemiche, le tecniche e i documenti inediti dal 1820, Cesco Ciapanna Editore, Firenze 1979;
  • C. Cotton, The Photograph as Contemporary Art (2004); 1° ed. italiana: La fotografia come arte contemporanea, Einaudi, Torino 2010;
  • A. M. Amonaci, Il paesaggio toscano e la fotografia a Firenze tra le due guerre. Gli antecedenti e la personalità di Vittorio Alinari I, in «Artista», annuale del 2011, pp. 208-253.
Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:

Il propedeutico mira a far aquisire una coscienza d'insieme del percorso storico della fotografia, in relazione ai diversi momenti dell'arte visiva, attraverso l'analisi delle fonti scritte dei relativi periodi.
Pertanto l'esame prevede, oltre al colloquio orale, la realizzazione di un testo con immagini (una sorta di manuale) che illustri l'evoluzione della Storia della fotografia dalle origini ad oggi. La preparazione del suddetto testo è il risultato dello studio della bibliografia consigliata e dell'elaborazione degli appunti presi durante le lezioni, impegnando lo studente in un progetto editoriale dove poter esprimere la propria sensibilità estetica.

Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:
Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:

Anna Maria Amonaci ha studiato con Carlo Del Bravo e Mina Gregori, laureata in Storia dell’arte medievale e moderna all’Università di Firenze, si è perfezionata in Critica all’Università Cattolica di Milano, insegna dal 2001 Storia della fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Dopo essersi occupata di arte e di architettura del Quattro/Cinquecento e del Settecento, si è dedicata alla fotografica seguendone il processo storico dagli inizi ai giorni odierni in rapporto alle altre espressioni artistiche. A suo attivo conta scritti di saggistica e repertori di storia dell’arte, oltre a cataloghi di mostre collettive e personali di autori contemporanei. All’attività di ricerca unisce quella di curatrice per istituzioni pubbliche e private; collabora inoltre a riviste e a quotidiani.

Curriculum
Note Docente

Per sostenere l'esame del Biennio, è richiesta la frequenza al corso propedeutico del Triennio, con il relativo esame, che consta della stesura di un elaborato, oltre alla parte teorica dell’esame stesso. A ciò si aggiunge il corso di “Attribuzione”, la cui frequenza obbligatoria, con un ulteriore elaborato, può essere condotta in anni diversi; è consigliato (per chi non avesse mai sostenuto un esame di Storia della fotografia nel Triennio, o in altre università) di seguire al primo anno del Biennio il propedeutico, con esame, e al secondo, il corso di "Attribuzione". Lo studente è tuttavia libero di optare per la frequentazione e per l’esame di entrambi  corsi in un unico anno. 

Allegati pubblici