Tecniche e tecnologie della diagnostica 1 / CANEVALI CARMEN

Disciplina:

Tecniche e tecnologie della diagnostica 1

AA:

2019

E-mail:

carmencanevali@ababrera.it

Programma del corso:

Verranno descritte le tecniche diagnostiche utili per conoscere sia lo stato di un’opera d'arte sia gli aspetti che riguardano più da vicino il re­stauro.

Più precisamente, verranno illustrati principi, metodologie operative e applicazioni delle seguenti tecniche di analisi:

*tecniche di analisi morfologica (studio della forma della superficie di un solido): microscopia ottica, microscopia elettronica a scansione (SEM), microscopia elettronica a trasmissione (TEM);

*tecniche di analisi composizionale (determinazione della composizione chimica di un campione):

-tecniche di analisi elementare: spettrometria di assorbimento atomico (AAS), spettrometria di emissione atomica al plasma (ICP), microscopia elettronica a scansione con microsonda (SEM-EDX)

-tecniche di analisi molecolare: spettroscopia ultravioletta e visibile (UV-Vis), spettroscopia infrarossa a trasformata di Fourier (FTIR);

*tecniche di analisi strutturale (determinazione della struttura cristallina di un campione): diffrazione a raggi X (XRD), diffrazione di elettroni (TEM)

*tecniche di datazione: radiocarbonio e luminescenza;

*tecniche di imaging: radiografia X (RX) e riflettografia infrarossa.

Le lezioni in aula verranno affiancate da esercitazioni, sia in aula sia in laboratorio presso strutture didattiche dell’Università di Milano-Bicocca.

 

Bibliografia:

* M. Matteini, A. Moles, Scienza e Restauro. Metodi di indagine. Nardini Editore.

* D.C. Harris, Chimica Analitica Quantitativa, Zanichelli

*S. Volpin, L. Appolonia, Le analisi di laboratorio applicate ai beni artistici policromi, Il Prato, Collana: I Talenti

*B. Stuart, Analytical Techniques in Materials Conservation, Wiley

 

Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:

Obiettivi del corso:

•conoscere le tecniche diagnostiche più usate nel campo dei beni culturali, al fine di saper scegliere la tecnica più adatta in ogni caso specifico.

•per ogni tecnica diagnostica verranno esaminati con particolare attenzione i seguenti aspetti:

*i prin­cipi su cui il metodo è basato,

*metodologie operative: come si prepara il campione per effettuare l’analisi; cenni sulla strumentazione;

*esempi di applicazioni nel campo dei beni culturali; tipo di informazioni che si possono ottenere; come si elaborano e si interpretano i risultati ottenuti.

 

 

Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:
Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:
Note Docente

Laureata in Chimica nel 1992 presso l'Università di Milano, consegue il Dottorato di Ricerca in Chimica Industriale nel 1996. Dal 1997 lavora presso l'Università di Milano-Bicocca, Dipartimento di Scienza dei Materiali. Ha partecipato a progetti di ricerca sia nazionali che europei ed è co-autrice di 80 pubblicazioni scientifiche. E’ esperta di caratterizzazione composizionale dei materiali inorganici, anche nel campo dei beni culturali.  Da tempo si occupa della  messa a punto di materiali pulenti per la rimozione di sali metallici da superfici artistiche. Dall’a.a. 2016-2017 è docente a contratto presso l’Accademia di Brera per il corso di “Tecniche e Tecnologie della Diagnostica 1” della Scuola di Restauro.

 

Allegati pubblici