Disegno / MORO DANIELA

Disciplina:

Disegno

AA:

2019

E-mail:

danielamoro@ababrera.it

Programma del corso:

 

PROGRAMMA

 

Disegno per la pittura

 

Daniela Moro

 

 

 

Il disegno è forma artistica autonoma, nasce da dimensioni concettuali ed è una parola che contiene più significati.

Il corso si divide in due momenti differenti.

Il primo prende in esame in modo analitico gli strumenti, le tecniche e i materiali che si utilizzavano e utilizzano per la conoscenza e la comprensione di tutto il mondo del segno.

Il secondo, concepisce il lavoro dell'allievo in modo autonomo con gli strumenti sia del passato che della contemporaneità, anche medialmente differente. Autonomia sia linguistica che culturale, oltre la gestione progettuale.

L'analisi storico-critica condotta il aula durante gli incontri, avrà la finalità di rendere l'opera libera, ed il pensiero legato ad essa dovrà relazionarsi con uno spazio finalizzato per un dimensionamento a carattere professionale.

 

Gli argomenti del corso sono: il vedere, le tecniche del disegno, lo spazio, il segno.

Il disegno è forma artistica autonoma, nasce da dimensioni concettuali ed è una parola che contiene più significati.

Il corso si divide in due momenti differenti.

Il primo prende in esame in modo analitico gli strumenti, le tecniche e i materiali che si utilizzavano e  utilizzano per la conoscenza e la comprensione di tutto il mondo del segno.

Il secondo, concepisce il lavoro dell’allievo in modo autonomo con gli strumenti sia del passato che della contemporaneità, anche medialmente differente. Autonomia sia linguistica che culturale, oltre la gestione progettuale.

L’analisi storico-critica condotta il aula durante gli incontri, avrà la finalità di rendere l’opera libera, ed il pensiero legato ad essa dovrà relazionarsi con uno spazio finalizzato per un dimensionamento a carattere professionale.

Bibliografia:

La linea analitica dell’arte moderna. Filiberto Menna. Einaudi.

Arte e percezione visiva. Rudolf Arnheim. Feltrinelli.

Ombre. Ernst Gombrich. Einaudi.

L’analisi della bellezza. William Hogarth. Se ed..

L’arte del disegno del novecento italiano. Crispolti. Laterza.

Segni del Novecento. Disegni italiani dal futurismo agli anni Novanta. M. Bignardi. Geronzi editore.

La bibliografia verrà completata individualmente a seconda dei progetti.

Caratteristiche del corso:

teorico-laboratoriale

Obbiettivi dl corso:

L’obiettivo del corso è fornire gli strumenti necessari alla realizzazione da parte dello studente di un proprio lavoro autonomo attraverso lo studio e l’utilizzo delle tecniche del disegno, l’analisi del supporto, il costante esercizio finalizzato prima alla corretta comprensione e costruzione della forma e del segno nello spazio e poi al raggiungimento di una personale maturità espressiva e tecnica.

Orario e aula:
Precondizioni di accesso:

nessuno

Tipologia si Esame finale:

L’esame consiste nella revisione di tutti i lavori svolti durante l’anno e la  presentazione del lavoro finale, frutto della propria ricerca, accompagnato da una breve relazione scritta (1-2 pag.) in cui lo studente racconta le fasi e le motivazioni del proprio percorso.

Verifiche durante il corso:

Il corso teorico-pratico si colloca all’interno del triennio di formazione; ha una durata annuale con una suddivisione in due semestri: uno di laboratorio con incontri frontali individuali o collettivi in cui sono previste verifiche dei lavori sulle basi di una calendarizzazione degli studenti, ed un altro in cui vengono effettuati rientri mensili per continuità di didattica e di verifica.

Crediti formativi
 
Curriculum professionale:
Curriculum
Note Docente
Allegati pubblici