Pittura 3 / PIZZI STEFANO

Disciplina:

Pittura 3

AA:

2019

E-mail:

stefanopizzi@ababrera.it

Programma del corso:

PROGRAMMA PER L’ANNO ACCADEMICO 2019/2020

 

 

Sulla figura dell’artista ed il suo ruolo di intellettuale nella società viene sviluppato il programma formativo di questa Cattedra. L’aula è pertanto intesa come uno studio all’interno del quale vengono materialmente e dialetticamente rielaborati i saperi acquisiti in ambito artistico visivo, rapportandosi quindi con la tradizione ed il suo enorme bagaglio di immagini, e tecnicamente utilizzati con i mezzi espressivi della contemporaneità. In tale ambito si svolge quell’attività di analisi, ricerca e sperimentazione atta a formulare un proprio linguaggio espressivo.

 

 

Ogni anno accademico affronta una nuova tematica, per quello corrente è:

 

“SI PUO’ FARE ALTRIMENTI…”

(la Pittura come necessità, ricerca e passione al di là degli esiti commerciali)

 

Sono previsti incontri, lezioni, discussioni con protagonisti del mondo culturale e saranno effettuate e richieste visite a esposizioni temporanee e permanenti presso musei e gallerie d’arte antica, moderna e contemporanea pubbliche e private.

 

WORKSHOP

 

In progettazione.

 

 

VERIFICHE DI PRODUZIONE

 

Gennaio e Maggio 2020. Gli allievi che non si presentano alle verifiche non saranno ammessi agli esami

 

ESAMI

 

Tre sessioni annuali, i candidati presentano e discutono il lavoro svolto durante l’anno, dopo l’appello, che si tiene alle ore 9 ed al quale bisogna essere presenti.

 

Le date di ogni nuova, appuntamento o scadenza verranno notificate via mail e sul gruppo Facebook: Scuola di Pittura prof. Pizzi

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

 

- Carlo Carrà “La mia vita”, SE, Milano 1997

- Mino Ceretti “Il caso di vivere”, La Città di Brera, Milano 2009

- Mario De Micheli “Idee e storie di artisti”, Feltrinelli, Milano 1981

- Toni Negri “Arte e Moltitudo”, DeriveApprodi, Roma 2014

- Paola Pitagora “Fiato d’artista”, Sellerio Editore, Palermo 2001

 

 

 

VIDEOGRAFIA

 

- Monica Manfredi “Spazi e comportamenti della didattica nell’ Accademia, il caso dell’insegnamento della Pittura” Accademia di Belle Arti di Brera, Sito e Canale YouTube, Milano  2016

                                                                           

Caratteristiche del corso:

teorico-pratico

Obbiettivi dl corso:

Il Corso di Diploma Accademico di primo livello in Pittura ha l’obiettivo di fornire competenze artistiche al fine di formare professionalità qualificate che, tenendo conto del pluralismo dei linguaggi e delle innovazioni, siano in grado di sviluppare la propria ricerca individuale nell’ambito della Pittura legata sia alle modalità della tradizione che alla sperimentazione di nuovi linguaggi espressivi.

Prospettive occupazionali:

I Diplomati del Corso di Diploma Accademico di primo livello in Pittura svolgeranno attività professionali in diversi ambiti, sia nella libera professione artistica, sia nel campo delle arti visive e nelle attività creative in senso più ampio in tutti gli ambiti delle applicazioni della pittura, sia nelle sue forme legate alla tradizione sia in quelle rivolte alle nuove tecnologie.

Orario e aula:
Precondizioni di accesso:

Per essere ammessi al corso di Diploma Accademico di primo livello occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo. La selezione degli studenti ammessi al corso viene fatta su base di un esame di ammissione finalizzato all’individuazione delle qualità formali e delle competenze tecnico-artistiche possedute dal candidato, con particolare riferimento alle tecniche della rappresentazione e della progettazione.

Tipologia si Esame finale:

presentazione-discussione del lavoro svolto durante l’anno.

Verifiche durante il corso:

Verifica di produzione: due volte nel primo semestre e una volta al mese nel secondo in occasione dei rientri.

Crediti formativi
 
Curriculum professionale:

STEFANO  PIZZI

 

E’ nato a Pavia nel 1955, ha studiato al Liceo Artistico e all’Accademia di Belle Arti di Brera, della quale è stato Vicedirettore ed è attualmente Titolare di Cattedra di Pittura, Responsabile delle Relazioni Esterne e membro del Consiglio di Amministrazione. Nel corso degli anni ’70 ha partecipato attivamente alle iniziative del Movimento Studentesco ed al dibattito interno ai fenomeni della Nuova Sinistra. Animatore di istanze culturali e di interventi nel sociale conduce a tutt’oggi  una costante attività espositiva attraverso mostre personali e rassegne nazionali ed internazionali alle quali è di volta in volta invitato. L’itinerario della sua ricerca ha sempre teso a sviluppare un confronto tra la pittura e il suo supporto che tecnicamente si esplica nel dialogo tra l’iconografia dipinta e quella dei materiali sui quali opera. Questa dialettica tra soggetto e contesto, significato e significante, lo ha contraddistinto all’interno del sistema dell’arte verso il quale ha sempre assunto una posizione critica se non antagonista. La precoce scelta della docenza accademica si è rivelata uno stimolo ulteriore alla partecipazione al dibattito artistico contemporaneo con la costante presenza a convegni, seminari, work-shop. Autore di ricerca è conosciuto anche dal grande pubblico per le sue spettacolari installazioni urbane realizzate nel corso degli anni ’80 e ‘90. Oltre alla pittura si  è dedicato alla grafica d’arte ed alla ceramica. Sue opere sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private in Italia ed all’estero e su diverse navi da crociera della flotta Costa.

Vive e lavora a Milano.

Note Docente
Allegati pubblici