Fondamenti di marketing culturale / CROCI ELENA

Disciplina:

Fondamenti di marketing culturale

AA:

2019

E-mail:

elenacroci@ababrera.it

Programma del corso:
  1. Nuovi assunti: dal fordismo ai nostri giorni, il passaggio da un capitalismo industriale a uno culturale – perché l’appagamento unicamente materiale non vale più.
  1. L’uomo e il suo tempo: il concetto di attesa e la sua commercializzazione.
  1. Fiducia, orientamento, identità: tre parole chiave per definire ciò che un prodotto culturale deve esprimere e quanto questo possa impattare sul quotidiano del singolo individuo.
  1. La società moderna, sogni e bisogni: come e perché il marketing culturale può rappresentare una valida leva e opportunità.
  1. Il marketing culturale e il territorio: ragioni e tecniche di come un prodotto culturale possa oggi rispondere a un’identità territoriale assumendo quelle caratteristiche denominate “made in Italy”.
  1. Il prodotto culturale: come renderlo appetibile attraverso strategie comunicative e di osservazione.
  1. Il prodotto culturale: semplicità di lettura e meta-comunicazione alla base di ogni prodotto.
  1. Il marketing culturale e l’arte: come modulare l’arte e le sue declinazioni all’interno delle esigenze del mondo economico-finanziario, esempi di modelli quali-quantitativi per misurare l’efficacia di un investimento in cultura (modello P.V.T).
  1. Il marketing culturale quale strumento di dialogo per una politica di internazionalizzazione.

       10. Il marketing culturale per una possibile misurazione del benessere.

Il presente programma prevede supporto di slides, testi e video con esempi attuali per meglio spiegare i concetti.

Bibliografia:

Augé M., Pour une anthropologie de la mobilité, Payot et Rivages, Parigi 2009.

Baudrillard J., Il sogno della merce, Lupetti, Milano 1987.
Bauman Z., Vita Liquida, Bari, Ed.Laterza, 2008.

Bauman Z., La città sotto assedio, Bari, Ed.Economica Laterza, 2005.

Beyerler E., La passione per l’arte. Conversazioni con Christophe Mory, Milano, Skira, 2005.

Beyerler E., La passione per l’arte. Conversazioni con Christophe Mory, Milano, Skira, 2005.

Bourdieu P., Ragioni pratiche, Bologna, Il Mulino, 2009.

Byung-Chul H., La società della trasparenza, Nottetempo, Milano, 2014.

Caravelli M., Sapelli G.  (a cura di), Nel tempo del lavoro che cambia, l’uomo, una risorsa, Libreria universitaria, Padova, 2018.

Croci, E., Affari di tempo. Comunicazione culturale per una nuova ricetta di felicità, Lupetti, Milano 2013

Croci, E., Turismo culturale. Il marketing delle emozioni, Franco Angeli, Milano 2009.

De Masi, D., Ozio creativo, Conversazione con Maria Serena Palieri, ed. Bur, Milano, 2002.

De Masi, D., Il lavoro nel XXI secolo, Einaudi, Torino, 2018.

Fabris G.P., Societing. Il marketing nella società postmoderna, Egea, Milano 2009.

Felice E., Storia economica della felicità, Ed. Il Mulino, Bologna, 2017.

Fiorani E., Leggere i materiali. Con l’antropologia, con la semiotica, Lupetti, Milano 2000.

Fusaro D., Essere senza tempo, accelerazione della storia e della vita, Milano, Bompiani, 2010.

Gehl J., Vita in città, spazio urbano e vita sociale, Maggioli ed., Milano, 2012.

Holford-Strevens L., Storia del tempo, Codice, Torino 2007.

Kahneman, D., Pensieri lenti e veloci, Mondadori, Milano, 2012.

Kotler P., Marketing 4.0, Hoepli, Milano, 2018.

Latouche S., Come si esce dalla società dei consumi. Corsi e percorsi della decrescita, Bollati

Lindstrom M., Neuromarketing. Attività cerebrale e comportamenti d’acquisto., Ravenna, Apogeo ed., 2009.
Morin E., La via. Per l’avvenire dell’umanità, Raffaello Cortina, Milano 2012.

Lipovetsky G., L’era del vuoto, Luni ed., Milano, 2016.

Marshall Mac Luhan, Il medium è il massaggio, Mantova, Corraini, 2011.

Marshall Mac Luhan, La galassia Gutenberg, Roma, Armando Editore, 1976.

Meloni V., Il crepuscolo dei media, Laterza, Bari, 2017 pp.94-95.

Pine J., Gilmore J., L’economia delle esperienze, Milano, Rizzoli, 2000.

Ratti C., Claudel M., La città di domani, Einaudi, Torino, 2017.

Rifkin J., La civiltà dell’empatia, Milano, Mondadori, 2010.

Rifkin J., La terza Rivoluzione industriale, Milano, Mondadori, 2011.

Sennett R., Insieme, Feltrinelli, Milano 2012.

Simone R., Presi nella rete. La mente ai tempi del web, Milano, Garzanti, 2012.

Thoreau, H.D., Walden ovvero vita nei boschi. Bur, 1988.

Turkle, S., La conversazione necessaria, Einaudi, Torino, 2015.

Wilkinsn R., Pickett K., La misura dell’anima, Feltrinelli, Milano, 2012.

 

Caratteristiche del corso:

Il presente programma intende fornire allo studente gli strumenti necessari al fine di potere interagire con il sistema culturale e dei suoi “prodotti artistici”. Partendo da una panoramica iniziale di come oggi il marketing costituisca una parte fondamentale di ogni azione commerciale e di come questa materia influenzi e abbia influenzato il pensiero dell’individuo, il presente corso propone una visione critica che intende mettere in luce la sostanziale differenza tra il marketing in generale e marketing culturale. La cultura possiede tutti gli elementi per essere efficace strumento di marketing; dal made in Italy al thinking Italy, si tratta di identificare e sapere utilizzare leve differenti quali ad esempio la bellezza, l’emozione e una reale pulsione verso un appagamento immateriale. Tale percorso è possibile solo partendo da temi quali la sociologia e l’antropologia, argomenti “rafforzativi” che possono fornire utili indicazioni per ri-convertire il marketing classico in un autentico marketing culturale. Come azioni semplici in tale direzione possono offrire un risultato molto più alto rispetto a tecniche e strategie di prodotto su grande scala.

Obbiettivi dl corso:

Il presente corso intende fornire strumenti concreti per potere impostare un corretto lavoro di presentazione e promozione del proprio progetto artistico.

Iniziando da uno sguardo contemporaneo circa la promozione (il marketing) e l’introduzione di oggetti all’interno del quotidiano durante il secolo scorso, iniziando dall’epoca fordista, l’obiettivo è la formazione di uno spirito critico sulla la capacità odierna di penetrazione di prodotti all’interno del mercato.

Che cosa ricerca in un oggetto l’attuale fruitore? quali le principali leve che muovono la sua curiosità? quali le reali esigenze e perché?

Dunque, in quale direzione avviare, plasmare, organizzare, il proprio piano di lavoro per massimizzare le nuove esigenze del mercato presente che si muove così velocemente? Attraverso lezioni teoriche e pratiche il corso si prefigge di rispondere a questi quesiti.

 

Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:
Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:
Curriculum
Note Docente
Allegati pubblici