Valorizzazione dei beni archeologici / CARDOSA MASSIMO

Disciplina:

Valorizzazione dei beni archeologici

AA:

2019

E-mail:

massimocardosa@fadbrera.edu.it

Programma del corso:
Bibliografia:
Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:
Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:
Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:

QUADRO SINTETICO

In possesso di maturità scientifica, laureato in Lettere Classiche (Etruscologia ed Archeologia Italica) e specializzato in Archeologia Classica (Storia e Archeologia della Magna Grecia) con il massimo dei voti presso l’Università degli Studi di Torino.

Inserito nell’Elenco Nazionale dei Professionisti dei Beni Culturali e in precedenza nell’elenco ministeriale degli operatori abilitati alla redazione del documento di valutazione archeologica nel progetto preliminare di opera pubblica.

Conseguita nel febbraio 2014 l’Abilitazione Scientifica Nazionale come professore di Seconda Fascia nel settore concorsuale 10 A 1 (Archeologia).

Nominato nel 2017 Ispettore Onorario del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per il settore archeologia del Comune di  Manciano (GR).

Docente a contratto di Valorizzazione dei Beni Archeologici presso l’Accademia di Belle Arti di Brera – Milano, continuativamente dall’a.a. 2002-2003 ad oggi.

Risultato idoneo al concorso indetto dal Politecnico di Milano nell’a.a. 2020-2021 per l’insegnamento di Archeometria e Stratigrafia degli Elevati

Già cultore della materia di Metodologie della Ricerca Archeologica presso l’Università degli Studi di Milano, di Scienze Sussidiarie dell’Archeologia e di Preistoria e Protostoria presso l'Università del Piemonte Orientale A. Avogadro di Vercelli.

Dal 2012 ad oggi direttore del Museo di Preistoria e Protostoria della Valle del Fiume Fiora di Manciano (GR) e del Museo Archeologico di Saturnia (GR).

Socio Ordinario con diritto di voto dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria.

Collaboratore esterno delle ex Soprintendenze per i Beni Archeologici del Piemonte, della Toscana e della Calabria, con esperienza di scavi e schedature di materiali di epoca preistorica, classica (greca, etrusca e romana) e tardoantica.

Socio fondatore e membro del consiglio direttivo del CSP Onlus (Centro Studi Preistoria e Archeologia) di Milano, presieduto dalla prof.ssa N. Negroni Catacchio.

 

Nell’ambito delle collaborazioni con Università, Soprintendenze ed Enti Locali, oltre che di numerosi scavi e schedature di materiale archeologico, si è occupato a vario titolo di  divulgazione e valorizzazione dei beni archeologici, contribuendo in vario modo e titolo alla realizzazione di numerosi allestimenti museali e mostre a carattere archeologico in Italia centrale e meridionale.

Musei: Museo di Preistoria e Protostoria della Valle del Fiume Fiora di Manciano (GR), Museo Civico “Ferrante Rittatore Vonwiller” di Farnese (VT), Centro di Documentazione sulla Storia e l’Archeologia di Sovana (GR); Museo Archeologico Nazionale di Locri Epizefiri (RC); Museo Civico di Gerace (RC); Sezione archeologica del Museo Diocesano di Tropea (VV).

Mostre: “Un tetto sopra la testa” (Museo di Preistoria di Manciano - GR, aprile 1996-aprile 1997), “Santuari a Locri Epizefiri” (Museo Nazionale di Reggio Calabria, estate 1996); “Locri prima di Locri” (Museo Nazionale di Locri Epizefiri – RC, luglio-dicembre 1998); “Le arti di Efesto” (Trieste, Scuderie del Castello di Miramare, 8 marzo-28 luglio 2002); “Locri Frons Italiae. La Locride in età romana” (Locri, 22 maggio – 15 dicembre 2005); “La Locride greco-romana. La città, la storia, i miti” (Museo Nazionale di Reggio Calabria, 18 dicembre 2005 - 15 febbraio 2006); “Fructus Terrae. Il vino a Tropea dalle origini ad oggi” (Tropea, Museo Diocesano, 4 agosto – 30 ottobre 2014); “Le Spose e gli Eroi. Offerte in bronzo e in ferro dai santuari e dalle necropoli della Calabria greca” (Museo Archeologico Nazionale “V. Capialbi” di Vibo Valentia, da dicembre 2014); “Marsiliana d’Albegna. Dagli Etruschi a Tommaso Corsini” (Museo di Preistoria di Manciano, 23 luglio 2016-21 gennaio 2017).

Ha collaborato inoltre, su incarico della ex Soprintendenza ai Beni Archeologici della Calabria, alla realizzazione dell’apparato didattico per il Parco Archeologico di Locri Epizefiri e all’allestimento del nuovo Museo della Locride Romana a Casino Macrì (Locri – RC).

Scavi principali: Abitato dell’età del bronzo finale di Sorgenti della Nova (Farnese, VT); abitato protostorico ed etrusco di Sovana Cattedrale (Sorano, GR); insediamento produttivo della prima età del ferro di Duna Feniglia (Orbetello, GR); insediamento del Bronzo Antico di Petti di Portigliola (RC); abitato greco e romano di Locri Epizefiri (Locri, RC); villa romana di Palazzi di Casignana (RC)

Collabora inoltre da tempo con vari enti locali (comuni di Torino, Manciano – GR, Orbetello – GR, Farnese – VT, Monasterace – RC, Vibo Valentia) ed associazioni private (Rotary Club, Lyons, Accademia del Libro di Montemerano) ad iniziative di divulgazione archeologica presso il grande pubblico.

Ha al suo attivo un centinaio di pubblicazioni, tra interventi in atti di convegni, riviste e monografie.

 

Curriculum
Note Docente
Allegati pubblici