Psicologia dell'arte / GALEOTTI ROBERTO

Disciplina:

Psicologia dell'arte

AA:

2019

E-mail:

robertogaleotti@ababrera.it

Programma del corso:

Nascita della psicologia dell’arte. La psicologia dell’arte alla luce delle principali teorie psicologiche: contributi teorici ed empirici. La “misurazione” dell’esperienza estetica: l’estetica informazionale e matematica. L’avanguardia artistica e la psicologia dell’arte. Sviluppi recenti della psicologia dell’arte: il modello cognitivista e psicofisiologico dell’esperienza estetica e le teorie cognitivo-neuronali. La metodologia della ricerca artistica. Oggi il metodo non è più uno strumento per la soluzione pratica dei problemi ma, piuttosto, un insieme di regole di valutazione, ad esempio, della «razionalità» e dei «limiti» di teorie articolate. Spesso, anche al solo fine di scandalizzare, sono state evidenziate analogie procedurali fra arti e scienze, nessuno però ha mai tentato un’approccio storiografico alle teorie artistiche a partire dalle regole logiche del metodo. Si ignorano quindi le conseguenze - anche puramente teoriche - che potrebbero derivare dall’applicazione “radicale”, cioè fino alle estreme conseguenze logiche, d’una metodologia sperimentale alla ricerca artistica. A tale tema è dedicato l’approfondimento del corso.

 

Bibliografia:

Paola FERRARIS, Psicologia e arte dell’evento, Gangemi, Roma, 2004.

Sergio LOMBARDO, L’avanguardia difficile, Lithos, Roma, 2004.

Ulric NEISSER, Conoscenza e realtà, Il Mulino, Bologna, 1993.

Vezio RUGGIERI, L’esperienza estetica, Armando, Roma, 1997.

 

Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:
Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:
Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:
Curriculum
Note Docente
Allegati pubblici