Fenomenologia delle arti contemporanee / FERRARIO RACHELE

Disciplina:

Fenomenologia delle arti contemporanee

AA:

2019

E-mail:

racheleferrario@ababrera.it

Programma del corso:

            Fenomenologia delle arti

            AA. 2018-2019

           Professoressa Rachele Ferrario

 

La formazione delle avanguardie in Europa: i manifesti futuristi 1909-1916

 

         In un’epoca di grande evoluzione e di ritmi accelerati nella comunicazione e nella formazione di nuovi linguaggi una rilettura del futurismo con il suo delirio innovatore può portare spunti di riflessioni inediti e una lettura diversa della nostra contemporaneità. Il poeta futurista Aldo Palazzeschi scrisse che il futurismo non poteva che nascere altrove se non in Italia “paese volto al passato nel modo più assoluto ed esclusivo e dove è d’attualità solo il passato”. L’Italia di oggi è ancora volta al passato? E la sua arte?

Le lezioni del corso analizzeranno le avanguardie a Parigi negli anni Dieci del secolo scorso, focalizzandosi sull’avanguardia italiana futurista. Verrà presa in considerazione la scrittura innovativa dei manifesti e i loro contenuti in relazione alla cultura europea. Le idee dei futuristi, la loro tensione verso il cambiamento e la modernità determineranno un cambio di rotta nell’arte e nel dibattito interazionale. Parigi e Milano sono i luoghi in cui si svolge l’azione dirompente che porterà a un nuovo ideale estetico.

 

I testi di Marinetti, le opere e gli scritti di Boccioni, Carrà, di Severini e di Russolo e degli altri futuristi, i documenti, i diari, le lettere e gli scritti mostreranno come è nata e come si è affermata la nuova poetica futurista, che costituisce e determina una parte importante della storia artistica internazionale che precede la prima guerra mondiale.

 

Il corso prevede l’intervento di artisti contemporanei, invitati a riflettere sul rinnovamento dell’espressione “globale” nelle arti in un parallelo storico tra epoca futurista e il nostro tempo. I loro nomi saranno resi possibili appena possibile e inseriti nel calendario delle lezioni.

 

Bibliografia:

Parte generale:

E. Panofsky, La prospettiva come forma simbolica e altri scritti, Feltrinelli, (edizione 2001); M. Mc Luhan, Strumenti del comunicare, Il Saggiatore; M. Mc Luhan, La galassia Gutenberg, Armando Editore, 1976 e successive; G. Didi-Huberman, Storia dell’arte e anacronismo delle immagini, Bollati Boringhieri, 2007;

Letture facoltative in relazione a questa prima parte:

Carl Safina, Al di là delle parole, Adelphi

Alessandro Baricco, The Game, Einaudi, 2018

Parte specifica:

Manifesti del futurismo, Abscondita; U. Boccioni, Pittura e scultura futuriste, Abscondita; futurismi&futurismi, Bompiani, 1986; C. Salaris. Futurismo, editrice bibliografica, 1994 nuova edizione 2016; Ester Coen (a cura di), Illuminazioni: avanguardie a confronto: Italia, Germania, Russia, Electa, 2009; E. Crispolti (a cura di), Archivi del futurismo, De Luca, 2010; V. Green (a cura di),Italian Futurism 1909-1944: Reconstructing the Universe, Guggenheim, 2014

ulteriori indicazioni bibliografiche ed iconografiche durante il corso

Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:

Caratteristiche del corso/obiettivi formativi specifici/propedeuticità e condizioni di accesso: è richiesta una discreta conoscenza della storia dell'arte.

 

Il corso di Fenomenologia delle arti si rivolge agli studenti del triennio (I livello) e fa parte dei piani di studio di Didattica dell’arte (II anno), Decorazione Design, Pittura e Scultura. È richiesta una buona conoscenza della storia dell’arte. Il corso fornisce 6 crediti formativi. Esame orale.

Lo studente dovrà orientarsi nell’ambito degli studi sulla fenomenologia delle arti con particolare attenzione al “come” l’arte e gli artisti hanno tradotto attraverso le opere i “fenomeni culturali” del tempo in cui hanno vissuto, le forme simboliche con cui la cultura artistica si è espressa in epoche diverse: dalla prospettiva rinascimentale, alla rivoluzione dei caratteri a stampa di Gutenberg, agli effetti dei nuovi mezzi di comunicazione degli anni Cinquanta e Sessanta e dell’era digitale.

il corso rilascia 6 crediti

Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:

Esame orale

Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:
Curriculum
Note Docente

Orario lezioni:

mercoledì aula 13 dalle 1345 alle 1530

 

giovedì dalle 12 alle 14  aula 19

orario ricevimento:

mercoledì dopo la lezione dalle 15.45 in biblioteca Accademia di Belle Arti Brera   ORARI E RICEVIMENTO DA CONFERMARE ALL'INIZIO DEL SEMESTRE

 

 

 

 

Allegati pubblici