Tecniche di ripresa / PANARO LUCA

Disciplina:

Tecniche di ripresa

AA:

2019

E-mail:

lucapanaro@ababrera.it

Programma del corso:

Il corso riflette sulla sperimentazione di nuovi linguaggi espressivi, una questione ancora aperta sulla quale i maggiori critici specializzati stanno indagando, anche alla luce della diffusione capillare delle tecnologie di matrice informatica.

Dopo avere approfondito i principali teorici che hanno indagato l’estetica e la semiotica dell’immagine in movimento fra gli anni Settanta-Ottanta del Novecento, si arriverà a trattare i più recenti contributi critici per l’acquisizione di competenze sui linguaggi espressivi in rapporto all’arte, favorendo la consacrazione dell’immagine come principale espressione del nostro tempo. Una particolare attenzione verrà riservata al rapporto tra fotografia, cinema, suono e new media, insistendo sulla continuità linguistica tra i mezzi più tradizionali e quelli contemporanei, analizzando il pensiero di alcuni artisti che hanno saputo leggere nei nuovi linguaggi espressivi caratteristiche già presenti nella cultura dell’Ottocento. Il corso guarderà inoltre al web, quell’ambiente virtuale in cui l’immagine ha trovato un terreno particolarmente fertile per potenziare il suo carattere relazionale, complici i social network.

 

 
Bibliografia:

Saggi sull’immagine digitale:

J.Fontcuberta, La furia delle immagini [2016], Einaudi 2018.
L.Manovich, Il linguaggio dei nuovi media [2001], Olivares, 2002.

L.Panaro, Casualità e controllo, Postmedia Books, 2014.

F.Bellomo, Meridiani, paralleli e pixel, Postmedia Books, Milano 2017.

 

Saggi di antropologia-filosofia-sociologia:

M.Augé, Disneyland e altri nonluoghi [1997], Bollati Boringhieri, Torino 1999.

J.Baudrillard, Il delitto perfetto [1995], Raffaello Cortina, Milano 1996.

Z.Bauman, Retrotopia, Laterza, Bari 2017.

Byung-Chul Han, La società della trasparenza [2012], Nottetempo, Roma 2014.

 

Video-Film:

Smoke, di Wayne Wang, 1995.

Memento, di C.Nolan, 2000.

Zidane, di D.Gordon e P.Parreno, 2006.

Vogliamo anche le rose, di A.Marazzi, 2007.

 

Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:

Parallelamente al corso di critica del linguaggio, verrà approfondita la storia della fotografia e dell’immagine in movimento, con lezioni monografiche sugli autori che hanno introdotto i cambiamenti più significativi nel panorama artistico internazionale.

Le lezioni saranno svolte con ampio utilizzo di materiale visivo e stimolate dalla discussione di romanzi, racconti e film che hanno anticipato, oppure emulato, il pensiero di artisti e teorici dell’immagine.

Esercitazioni pratiche permetteranno inoltre di comprendere come le tecniche di ripresa influenzino la resa narrativa e concettuale degli audiovisivi.

Obiettivo del corso sarà sintetizzare uno o più temi trattati in un elaborato video di 3 minuti.

Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:
Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:

Luca Panaro (Firenze 1975) è critico d'arte, curatore, attualmente insegna all'Accademia di Brera e all'Accademia di Belle Arti di Bologna. Tra i suoi libri: L'occultamento dell'autore (Apm 2007), Tre strade per la fotografia (Apm 2011), Conversazioni sull'immagine (Montanari 2013), Casualità e controllo (Postmedia 2014), Visite brevi (Quinlan 2015), Photo Ad Hoc (Apm 2016), Un'apparizione di superfici (Apm 2017), Dialoghi brevi (Quinlan 2018). Ha pubblicato su Enciclopedia Treccani XXI Secolo il saggio Realtà e finzione nell'arte contemporanea (2010), co-curato l'opera in più volumi Generazione critica (Montanari 2014-2017) e Effimera (Apm 2016-2017), oltre a una serie di cataloghi e monografie su artisti contemporanei. Dal 2010 è direttore artistico di Centrale Festival. Nel 2013 ha fondato a Milano il progetto didattico Chippendale Studio. Dal 2019 è coordinatore del comitato di consulenza di The Phair. www.lucapanaro.net

Curriculum
Note Docente
Allegati pubblici