Teatro della festa / SALA CARLO

Disciplina:

Teatro della festa

AA:

2019

E-mail:

carlosala@ababrera.it

Programma del corso:

PROGRAMMA DEL CORSO - Lezioni Frontali-

Un primo percorso storico, di natura teorica, attraversa il concetto di festa come rito pre rappresentativo che si sviluppa poi in Grecia trasformandosi nella forma di scrittura teatrale alla nascita del teatro e si dipana attraverso le feste medioevali nelle “sacre rappresentazioni” e i “misteri”. I Trionfi, le macchine per le feste religiose.

Una seconda parte fa tappa alla nascita dell‘Opera con Jacopo Peri, alle feste del Barocco, al carnevale, alle rappresentazioni circensi contemporanee e al teatro di strada.

La terza parte indagherà l’interscambio dei linguaggi delle rappresentazioni attraverso analisi della storia di compagnie come l’Odin Teatret di Eugenio Barba e molto di quello che in Italia si è chiamato Terzo Teatro, teatro sociale o spettacoli come L’Orlando Furioso dell’ Ariosto-Sanguineti eseguito in Piazza Duomo a Milano con la regia di Luca Ronconi. Si arriva alla fenomenologia di una compagnia come la Fura Dels Baus ancora oggi attiva in tutto il mondo.

Una quarta parte sarà dedicata alla conoscenza delle feste e delle sagre nel territorio prossimo partendo dalle ricostruzioni fantastiche di Gerusalemme negli apparati religiosi come il Sacro Monte. Conoscenza e interazione con manifestazioni come Dinamico Circo che raccoglie ogni anno a Reggio Emilia molte compagnie di piccoli circhi, teatro di strada e funambolismo. Incontri con registi e coreografi come Gabriele Salvatores, Elio De Capitani, Marco

Baliani, Virgilio Sieni che utilizzano nelle loro opere linguaggi e modalità inerenti il concetto di evento e coinvolgimento del pubblico.
Il supporto video durante tutto il programma del corso sarà fondamentale per poter sviluppare visivamente i concetti teorici.

PROGRAMMA DEL CORSO- Lavoro individuale e in gruppo-

Elaborazione finale di un proprio progetto costituente la tesi, che individui un luogo eponimo e lo faccia diventare il palcoscenico di una festa, di una sfilata, di una rappresentazione, di un corteo.
Il progetto dovrà comprendere il concetto teorico-drammaturgico, gli schizzi, i bozzetti, eventuali modelli e animazioni e riferimenti storico artistici. Particolare attenzione dovrà essere prestata alla scelta dei materiali, al trasporto degli stessi e alla fattibilità generale del progetto.

 

Bibliografia:

BIBLIOGRAFIA

CORSO TEATRO DELLA FESTA

La canoa di carta. Trattato di antropologia teatrale

Eugenio Barba il Mulino 2004

Antropologia religiosa. Etnologia, storia, folklore

Vittorio Lanternari Dedalo 1997

Festa a Corte. Ediz. illustrata

Laura D’Abrosca Este Edition 2016

Gli spettacoli di Odino. La storia di Eugenio Barba e dell’ Odin Teatret

Franca Perrelli Edizioni di Pagina 2013

Teatro di strada in Italia. Una piccola tribù corsara. Dalle piazze alle piste del circo
Paolo Stratta
Titivillus 2008

Le feste popolari italiane. Giostre, cavalcate, sagre, processioni, palii, veglie, corse, regate, carnevali
Tito Saffiotti
Vallardi A. 2009

“Orlando Furioso” di Ariosto-Sanguineti per Luca Ronconi

Claudio Longhi ETS 2005

Carnevale, Quaresima, Pasqua. Rito e dramma nell’età moderna (1500-1900)

Claudio Bernardi file

Corpus- hominis. Riti di violenza, teatri di pace

Claudio Bernardi file

I fuoriscena

C.Bernardi, B.Cuminetti, S.Dalla Palma file

Il Ramo D’Oro

J.G.Frazer file

La drammaturgia della settimana santa in italia

C.Bernardi file

I discorsi del teatro

A.Cascetta, F.Antolini, B. Cuninetti, C.Bernardi File

Il teatro e la città

Ludovico Zorzi Einanudi 1977

Scenografie Portatili

A.Arnaldi, V.Fiore,P.Salvadeo,M:Spreafico lettera ventidue 2016

Le città del Teatro Greco

V. Fiore, V.Martelliano lettere ventidue 2017

Tecnologie della finzione, L’effimero e la città

V. Fiore
lettera ventidue 2011

Luce artificiale e paesaggio urbano

V. Fiore, L. Ruzza Lettera Ventidue 2013

Altri testi andranno a completare eventuali esigenze degli studenti.

 

Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:

Intendo articolare il corso intorno alla permeazione e l’interscambio tra le rappresentazioni antiche e contemporanee legate alla “festa”, nel senso etnologico sociologico e antropologico, e le rappresentazioni teatrali del teatro di regia o ad eventi “site specific” assai diffusi nel concetto di festa contemporanea. L’obbiettivo è quindi fornire agli studenti le competenze teoriche per poter progettare e realizzare un proprio progetto o, unendo le competenze, progettare e partecipare alla realizzazione di un progetto comune . Sarà la creatività personale a rivisitare e rigenerare le forme storiche .

 

Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:
Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum professionale:
Curriculum
Note Docente
Allegati pubblici