Tecniche di fonderia / RENZI GEREMIA

Disciplina:

Tecniche di fonderia

AA:

2019

E-mail:

geremiarenzi@ababrera.it

Programma del corso:

Crediti formativi 9

Orario lezioni:

Giov- Ven- Sab

Ore 9.00-14.00

 

aula 51

 

Primo e secondo livello

Anno accademico: A.A.2015-2016

TIPOLOGIA DELLA DIDATTICA:
Lezioni teoriche e applicazioni pratiche.

 

.

 

CONTENUTI E TEMATICHE:
Gli allievi dopo una prima conoscenza generale delle varie possibilità  di fusione dei metalli, realizzeranno  prototipi  in cera di  piccole sculture, medaglie e sculture da indossare etc, per poi procedere facendo tutti i passaggi necessari sino a fondere in aula il proprio pezzo.  Successivamente procederanno con la lavorazione di finitura.

Ogni percorso sarà documentato al fine di avere il materiale necessario (foto, video, disegni preparatori etc) per poter stendere la  tesina finale.

Si procederà passando dalla fusione ad osso di seppia, alla forma persa e all’uso delle gomme liquide e plasmabili.

Si apprenderanno le modalità delle fusioni protostoriche e la creazione dei crogioli per la  fusione diretta del metallo.

Dopo la creazione  dei modelli in cera, si posizioneranno i cannelli di colata, sfiatatoi etc. e si procederà con la  fase di preparazione dell’impasto refrattario per la cottura. Sempre in aula si passerà alla fusione dell’elaborato e alla rifinitura dei modelli fusi:  sabbiatura, cesellatura, patinatura e colorazione dei metalli, anodizzazione etc.

Sarà possibile prendere in esame metalli da fusione come  l’alluminio, il rame, l’ottone, il bronzo, l’argento,  il platino, l’oro, l’acciaio, il titanio etc.

Particolare attenzione sarà relegata anche alle diverse  saldature dei metalli per le eventuali necessità di ancoraggio.

Ampia importanza sarà data all’aspetto spirituale del concetto di “fusione” in quanto cammino dell’uomo verso la purificazione dell’anima e dell’unione, come ritorno all’origine, della parte femminile e maschile racchiuse all’interno del contenitore/corpo dell’essere. Il forno della fusione diventa un’importante luogo di trasformazione per entrare in contatto col profondo sé che ci permette l’unione con la Natura.

Il corso quindi è articolato in momenti teorici e pratici che metteranno  in evidenza le reali necessità e il senso del “fondere”, partendo dalla fusione alchemica sino ad approfondimenti sulle ultime innovazioni delle tecniche metallurgiche di fusione.

E’ importante che ogni elaborato contenga il percorso personale di ogni singolo discente che sarà di volta in volta approfondito tramite lezioni frontali col docente.

 

 

ESAMI FINALI:

L’allievo dovrà presentare una tesina con il materiale digitale, schizzi, video e foto di tutto il lavoro svolto durante il corso.

Le modalità d'esame, si baseranno sulle esperienze e le scelte di ogni singolo allievo riguardo la metamorfosi del proprio modello nel suo clone in metallo e su argomenti sulla lavorazione dei metalli, dalla preistoria al contemporaneo.

Saranno disponibili dispensa del docente.

 

 

TRIENNIO

Gli allievi del triennio del corso di fonderia dovranno presentare agli esami  più elaborati realizzati con diverse modalità di esecuzione e fusione finale: dalla fusione ad osso di seppia, alla micro fusione a cera persa.

Ogni allievo presenterà:

1.      una piccola scultura in cera con annessi cannelli di colata, sfiatatoi etc. pronta per la fusione.

2.      una medaglia/scultura a 4 facce

3.      Divisi per gruppi, realizzeranno tutte le figure esistenti in una scacchiera di piccole dimensioni (gioco degli scacchi)

Consegneranno i propri pezzi fusi accompagnati dai relativi negativi in gomma siliconica.

 

 

BIENNIO

Gli allievi che frequentano il biennio  del corso di fonderia, oltre alla presentazione degli elaborati relativi al triennio punto 1 e 3, dovranno presentare all’esame  una  medaglie-scultura  composta  da più di 4 facce.

 

Ogni studente deve necessariamente presentarsi con una cartella grafica dei disegni-progetto min.35x50.

 

                                                        Programma Anno Accademico 2015/16

 

1. realizzazione in aula  di  una piccola scultura in cera con annessi cannelli di colata, sfiatatoi etc. pronta per la fusione

 

2. una medaglia/scultura a 4 facce per gli inscritti al triennio e una medaglia/scultura a più di 4 facce per gli inscritti del biennio

 

3.Divisi per gruppi, realizzeranno tutte le figure esistenti in una scacchiera di piccole dimensioni (gioco degli scacchi)

 

4. stampo in gomma dei propri elaborati.

 

5. preparazione del cilindro e preriscaldo.

 

6. microfusione in Argento degli elaborati.

 

7. lavorazione dell’osso di seppia e fusione.

 

8. Finitura degli elaborati

 

Durante il corso si potrà per partecipare a stage formativi  riguardo le varie realtà di fusione e/o partecipare al progetto didattico di tecniche della Fonderia 2015/16 GOLD FORMULA

 

 

 

 

 

Bibliografia:

Rudolf Steiner La missione universale dell’arte Editrice Antrosopofica Milano

P. D. Ouspensky Frammenti di un insegnamento sconosciuto Astrolabio

Renzi e Lucia Il Cerchio Celeste youcanprint

Alessio Di Benedetto All’origine fu la vibrazione Nexus Edizioni

Raphael  la triplice via del fuoco edizioni Asram Vidra

Il corso sarà corredato di dispense

 

Caratteristiche del corso:

Lezioni teoriche, Applicazioni pratiche.

Obbiettivi dl corso:

Il corso ha come finalità il raggiungimento da parte del discente di una  formazione sia teorica che  pratica generale sui processi di lavorazione e fusione dei metalli valorizzandone l’aspetto artistico/creativo, ma che non si limiti alla tradizionale fusione del bronzo, bensì vada ad approfondire l’aspetto delle diverse realtà dei metalli preziosi e le varie possibilità di microfusione.  Quindi l’allievo sarà in grado di creare l’opera in cera e procederà facendo personalmente  tutti i passaggi necessari che conducano alla fusione del proprio elaborato, nonché alla finitura del pezzo stesso

 

Orario e aula:
Precondizioni di accesso:

Nessuna condizione

Tipologia si Esame finale:

L’allievo dovrà presentare una tesina in cartaceo e in digitale con video e foto di tutto il lavoro svolto durante il corso, parte fondamentale per l’esame finale.

Il tutto si baserà sulle esperienze e le scelte di ogni singolo allievo riguardo la metamorfosi del proprio modello nel suo clone in metallo.

Si valuteranno tutti gli elaborati prodotti dall’allievo e oltre la spiegazione della tesina presentata, la discussione si focalizzerà su la tecnologia dei metalli e le modalità di fusione dalla protostorica al contemporaneo.

Saranno disponibili dispense del docente.

Verifiche durante il corso:
Crediti formativi
 
Curriculum
Note Docente
Allegati pubblici