Litografia / PARISI PAOLA

Disciplina:

Litografia

AA:

2019

E-mail:

paolaparisi@ababrera.it

Programma del corso:

La litografia (dal greco lithos = pietra + grafia ), definita anche stampa piana o planografica, fu inventata da Aloys Senefelder ( poeta ed attore nato a Praga nel 1771 e morto a Monaco di Baviera nel 1834). La litografia raggiunge il suo massimo sviluppo nell’ottocento. Ricco di avvenimenti ed idee, in questo secolo si mettono a punto due invenzioni che ancora oggi sono alla base della nostra vita quotidiana: la litografia e la fotografia.

Nei primi decenni di vita la litografia è stata adoperata per la diffusione di testi scritti, carte geografiche, vedute, soggetti naturalistici (animali, fiori, piante ) e partiture musicali, fino ad allora scritte a mano.

I maestri dell’ottocento sfrutteranno questa innovazione tecnica per i libri illustrati e per i libri d’artista. Ricchissimo anche il filone ottocentesco della satira politica e sociale. Ma senza alcun dubbio la litografia è uno degli elementi chiave per lo sviluppo del manifesto pubblicitario e del cartellone teatrale.

Con la sua facile applicazione rivoluziona l’arte della stampa perché grazie all’immediatezza del segno ( fatta a matita grassa, gessetti ed inchiostro litografico ) l’artista disegna direttamente sulla pietra calcarea levigata.

La semplicità nell’esecuzione del disegno e l’adattabilità al segno dell’artista rende la litografia una delle tecniche più versatili, tecnica si semplice ma non facile nella fase di stampa, dove grazie all’abilita dell’artista-stampatore si può ottenere una tiratura di circa un migliaio di copie.

Si inizierà il corso facendo conoscenza con le varei tipologie delle pietre calcaree e la loro granitura. Il disegno effettuato con matite grasse o gessetti  o inchiostro litografico , verrà acidato con una “preparazione” composta di acido nitrico e gomma arabica dando inizio a quella che Senefelder chiamava  “ la vera stampa chimica” . Si passerà infine all’inchiostrazione delle pietre con i rulli.

Durante il corso si effettueranno diverse tecniche per la realizzazione della litografia. Dal bulino alla carta da trasporto, al frottage, alla fotocopia, alla maniera nera, al fondino colorato, al negativo, giungendo alla stampa in bianco e nera ed in quadricromia. Si sperimenterà la nuova frontiera della litografia atossica con il supporto di materiali sintetici di nuova generazione e la Kitchen litho.

Bibliografia:

Garo Zantrezian e Clinton Adams, THE TAMARIND BOOK OF LITHOGRAPHY:ART E TECNIQUES , Los Angeles , 1970

Marjorie Devon , TAMARIND TECHNIQUES FOR FINE LITHOGRAPHY , University of New Mexico, 2008

Nereo Tedeschi , LA LITOGRAFIA DEGLI ARTISTI , Verona ,1973

D. Porzio e R.Tabanelli,LA LITOGRAFIA: DUECENTO ANNI DI STORIA ARTE E TECNICA, Milano ,1982

Angela Occhipinti, LA STAMPA ORIGINALE, Milano 1996

Emilie Aizier, KITCHEN LITHO,Poitiers 2013

Caratteristiche del corso:
Obbiettivi dl corso:
Orario e aula:
Precondizioni di accesso:
Tipologia si Esame finale:

All’esame verrà presentata una cartella con una selezione delle litografie stampate durante il corso.

Verifiche durante il corso:

Durante il semestre si svolgeranno delle verifiche dei lavori effettuati e la loro valutazione servirà per sostenere l’esame

Crediti formativi
 
Curriculum professionale:

Nata a Novara e residente a Novara, ha frequentato il Liceo Artistico Modigliani e poi l’Accademia di Belle Arti di Brera - Milano – Corso di incisione dei docenti Prof. Occhipinti e Prof. Hsiao. Ha insegnato all’Accademia Belle Arti di Carrara e all'Accademia di Catanzaro, Accademia di Belle Arti di Lecce, Accademia di Belle Arti di Venezia. Insegna Grafica d’arte -Tecniche dell’incisione presso l’Accademia di Belle Arti Brera (Milano). E’ stata per tre anni coordinatore del Triennio, e dal dicembre del 2018 è Direttrice della Scuola di Grafica d’arte. Ha partecipato a diverse personale e collettive, in Italia ed all’estero.

Curriculum
Note Docente
Allegati pubblici